Info Newsletter ITAENG

Sezione archeologica Chini



La raccolta archeologica del professor Virgilio Chini fu donata al Museo Civico nel 1978. Attualmente è collocata in due ambienti affrescati al piano terra dell'ex convento di San Francesco, i quali originariamente costituivano il sacello di Sant'Antonio Abate, dove avevano luogo i Capitoli della comunità francescana. Gli affreschi, opera di Battista da Vicenza, pittore attivo tra la fine del Trecento ed il primo trentennio del Quattrocento, rappresentano un insieme di figure entro arcate gotiche: La Madonna in trono con Sant'Antonio Abate e i due cavalieri offerenti è l'episodio centrale, accompagnato ai lati da San Sigismondo, San Dionigi e San Giacomo minore e maggiore. Nella parete opposta sono affrescate, entro una cornice imitante un traforo, quattro scene di vita di Sant'Antonio Abate. 

La collezione Chini presenta una preziosa raccolta di ceramiche greche e italiote, cioè prodotte da coloni greci stabilitisi in Italia meridionale a partire dal IX-VIII secolo a.C., giunte dalla Puglia. Tra le ceramiche greche trovano spazio materiali corinzi o in stile corinzio molto probabilmente provenienti da necropoli, così come da contesti funerari provengono anche le ceramiche attiche a figure nere e rosse.
Le oreficerie e le ambre della collezione costituiscono un nucleo diversificato: reperti sicuramente antichi si affiancano a imitazioni ottocentesche che riprendono forme e motivi decorativi propri delle officine antiche. La sezione numismatica invece propone una selezione di circa un migliaio di monete donate da Chini, che offrono un panorama del fenomeno della monetazione antica. 

Tra gli oggetti più interessanti e di spicco della collezione si ricordano l'Elmo Corinzio e il meglio noto come Vaso alessandrino (Hydria con placchette).

VIRGILIO CHINI

Virgilio Chini (Bassano del Grappa 1901 - 1983) si laureò in Medicina e Chirurgia a Padova nel 1924. Fu docente dal 1938 al 1971 presso l'Università di Bari. Egli aveva una propensione verso il collezionismo, sia di oggetti antichi che oggetti a lui contemporanei. Vivendo in Puglia, terra ricca di testimonianze del passato, acquisì nel tempo una ricca collezione di reperti. Il 21 dicembre 1978 decise di donare al Comune di Bassano del Grappa la sua intera raccolta di materiale archeologico, ora esposta in stanze ad egli intitolate.
 
Organizza una visita

Orari, biglietti, servizi

Museo Civico, Bassano del Grappa
Piazza Garibaldi 34, 36061

ORARI
Tutti i giorni, anche Pasqua e festivi
10 — 19, chiuso il martedì

BIGLIETTI 
7 € intero, 5 € ridotto
Museo Civico + Palazzo Sturm
10 € intero, 8 € ridotto

CONTATTI
Tel. +39  0424 519 901 
info@museibassano.it

OPERE SELEZIONATE