Info Newsletter ITAENG
Atelier Canova
NEWS

Atelier Canova

Giovedì 18 luglio 2019
 
Avviato nel 2016 il progetto Atelier Canova,  realizzato dai Musei Civici di Bassano del Grappa e Factum Foundation, nasce dallo studio di alcune casse contenenti i resti in gesso di una scultura monumentale realizzata da Antonio Canova. Si tratta di un Cavallo colossale, pervenuto al Museo Civico nella metà dell’Ottocento grazie al lascito testamentario del fratello acquisito dello scultore, Monsignor Giovanni Battista Sartori Canova. 
Antonio Canova. Atelier, volume edito da Marsilio a cura di Chiara Casarin, in collaborazione con Adam Lowe, fondatore di Factum Foundation – la più importante azienda di mediazione digitale al mondo – rende finalmente accessibile al pubblico una parte importante del patrimonio cittadino: il restauro virtuale del Cavallo colossale, la digitalizzazione in alta risoluzione di tutti i disegni canoviani per la creazione di un archivio completo, la realizzazione del facsmile di due album e del bozzetto in terracotta delle Tre Grazie. Il libro ripercorre tutte le fasi dello studio condotto su queste parti del patrimonio canoviano e ricostruisce la storia di un momento della creazione artistica del genio di Possagno. 

Il Cavallo colossale

Atelier Canova ha preso avvio dalle operazioni di scansione tridimensionale dei frammenti in gesso conservati in casse di legno a Palazzo Bonaguro.  Il lavoro su questo magnifico esemplare dell’arte canoviana è proseguito parallelamente su due vie: mentre il team di Factum — composto da Guendalina Damone, Otto Lowe, Pedro Mirò, Oak Taylor Smith — applicava le più sofisticate tecnologie digitali per la registrazione del maggior numero possibile di informazioni sui resti del gesso, Claudio Piscopo e Davide Tolfo intraprendevano la raccolta delle informazioni storiche attraversando gli archivi di tutta Italia: da Bassano a Possagno, da Roma e Napoli, per trovare quei documenti che oggi ci permettono di riscrivere la storia di quest’opera. 
Al termine dei lavori di scansione, un gruppo di ingegneri con base a Madrid nella sede di Factum, ha ricomposto e restaurato virtualmente il colosso rendendo finalmente visibile la sua bellezza d’insieme dopo cinquant’anni. A partire da questo ‘restauro a distanza’ è stato realizzato un modellino in resina di ogni singolo frammento e ne è stata operata una ricostruzione fisica, seppure in scala. Il modellino così ottenuto è divenuto la matrice per la piccola fusione in bronzo che ora può essere ammirata nel salone canoviano. In questo esemplare del grande cavallo sono stati volutamente lasciati i segni dei tagli che furono inferti sulla scultura esattamente cinquant’anni fa a titolo di memoria e di dimostrazione documentaria. Grazie a tutte queste operazioni, in futuro sarà possibile realizzare un monumento, di dimensioni originali (4,5 x 5 m), dedicato ad Antonio Canova per la città di Bassano del Grappa. 

L'archivio digitale dei disegni

Ad affiancare il restauro virtuale del Cavallo colossale è la creazione di un archivio digitale dell’intero corpus dei disegni di Antonio Canova, circa duemila, raccolti in dieci grandi album e otto taccuini di viaggio. La quasi totalità di tutti quelli esistenti è custodita a Bassano del Grappa ma, per le note esigenze conservative della carta, questi capolavori grafici, devono essere conservati nell’apposito archivio. Un patrimonio di fondamentale importanza per la conoscenza di Antonio Canova digitalizzato in alta risoluzione e che può essere concesso in prestito solo a condizioni restrittive, può finalmente essere esposto e ammirato sempre. 
Factum ha documentato per la prima volta l’intera raccolta, con l’obiettivo di realizzare un vero e proprio archivio digitale completo che ne aiuti la conservazione, lo studio e la fruizione. Al termine di questo accurato processo di raccolta dati, sono stati realizzati facsimili dell’Album A e dell’Album B1, rispettivamente dedicati alle posizioni del corpo femminile e alle proporzioni del corpo maschile. I due facsimili sono esposti nel salone canoviano, custoditi all’interno di teche a disposizione dei visitatori per sfogliarli e ammirarli da vicino. 

Il bozzetto delle Tre Grazie

Il bozzetto delle Tre Grazie reclamava le medesime attenzioni dei disegni, a causa della sua fragile natura. Il piccolo gruppo scultoreo del 1812, alto circa 35 centimetri e realizzato in terracotta, è oggi conservato in una teca di massima sicurezza e non ha mai lasciato i Musei Civici di Bassano se non per una mostra nella vicina Possagno.
Lo studio è iniziato con la scansione tridimensionale del bozzetto, talmente accurata e dettagliata che permette di avere precisi riferimenti in caso di eventuali danneggiamenti o microfratture dell’opera. Dal modello digitale è stato poi realizzato uno stampo in silicone da cui si è tratto un esemplare in resina dell’opera, successivamente colorato al fine essere quanto più fedele possibile all’originale. La qualità della registrazione è tale che, ad esempio, le impronte digitali di Canova sono chiaramente visibili sulla sua superficie. In questo modo il facsimile consente il prestito per mostre, permettendo anche ai non vedenti e ipovedenti di poterlo fruire mediante il tatto. 

Il caso studio della Testa di Tersicore

Il progetto Atelier Canova cresce e si sviluppa grazie alla ricerca degli architetti Paola Perozzo ed Edoardo Zanollo dello studio QuickSloth. Lo studio, inizialmente sviluppato come tesi del Master Digital Exhibit dell’Università IUAV di Venezia, condotto in collaborazione con Factum Arte, individua lo strumento digitale come possibile via per la fruizione di quella parte del patrimonio culturale altrimenti impossibile da portare alla luce nelle sale museali. 
L’oggetto di tale analisi è stato individuato nella Testa di Tersicore (INV. S67) conservata nei depositi del Museo Civico di Bassano del Grappa. L’opera in gesso  con basamento ligneo fu danneggiata durante il bombardamento che colpì il Museo il 24 aprile 1945; essa si conserva oggi in due frammenti: la parte anteriore della testa e la coda di capelli. Parte della nuca e alcuni riccioli di capelli sono andati perduti a seguito del bombardamento. Il Museo Civico conserva ed espone un’altra versione di questo soggetto (INV. S35) simile ma non uguale all’opera presa in analisi, la cui completezza si è rivelata fondamentale per le operazioni di ricostruzione digitale. Realizzate da Canova tra il 1808 e il 1813, le due teste dovevano servire probabilmente come studi preliminari per la statua marmorea di Tersicore, scolpita in due esemplari conservati rispettivamente alla Fondazione Magnani Rocca di Parma e al Cleveland Art Museum di Cleveland in Ohio.  
Attraverso la fotogrammetria il modello della testa è stato completamente restituito in digitale. Grazie al confronto con la seconda versione conservata in Museo è stato possibile per i due ricercatori ricostruire le parti mancanti attraverso alcuni software di modellazione. I risultati di questa importante operazione sono oggi visibili grazie all’applicazione sviluppata da Paola Perozzo ed Edoardo Zanollo installata su di uno schermo touch-screen all’interno del percorso espositivo in Salone Canoviano, che permette la visualizzazione e la navigazione del modello ricostruito della Testa di Tersicore. Specifici pulsanti nell’interfaccia di gioco permettono di ‘accendere’ e ‘spegnere’ le parti ricostruite ed ‘evidenziarle’ con un altro colore, rendendo ancora più chiara la fruizione della ricostruzione.     
Il progetto che Factum Foundation ha sviluppato per i Musei Civici di Bassano del Grappa mostra la sua potenzialità nel costruire una nuova visione delle opere di Canova ed esplorare i suoi capolavori da un punto di vista inedito. Atelier Canova è ora non solo all’interno del percorso museale bassanese, ma è stato integralmente riportato in una pubblicazione edita da Marsilio, Antonio Canova. Atelier a cura di Chiara Casarin, che ripercorre e illustra tutte le fasi progettuali e storiche che hanno portato alla concretizzazione del progetto. 
Organizza una visita

Orari, biglietti, servizi

MUSEO CIVICO
Piazza Garibaldi 34
36061 Bassano del Grappa (VI)

ORARI
Tutti i giorni 10—19,
chiuso il martedì, 1 gennaio, Pasqua e 25 dicembre.
Apertura straordinaria i martedì festivi.

La biglietteria chiude alle 18.

BIGLIETTI
Intero 7 €, Ridotto 5 €
Palazzo Sturm + Museo Civico
Intero 10 €, ridotto 8 €

CONTATTI
T +39 0424 519901
info@museibassano.it
L'accesso ai disabili è spostato in Via Museo 4