Info Newsletter ITAENG
Galleria Civica
Galleria Civica

Terzo Paesaggio. Inchiostro degli occhi e diari in movimento

dal 17 ottobre al 15 novembre 2020
 
In Galleria Civica sono ospitate fino al 15 novembre 2020 due differenti mostre unite però da un unico filo conduttore, l'espressione di sé durante il periodo di lockdown. Terzo Paesaggio. Inchiostro degli occhi e diari in movimento presenta due progetti sviluppati tra marzo e maggio di quest'anno: Diary of a Move dell’artista della danza Masako Matsushita e le fotografie realizzate dagli studenti dell'Istituto Scolastico Paritario “Santa Maria della Pieve” di Castelfranco Veneto.

Diary of a Move è un processo creativo che ha origine nel 2012 quando, a Londra, Masako Matsushita comincia ad indagare il tema dell’archiviazione del movimento e del ruolo del corpo nella memoria a lungo termine; una sperimentazione artistica personale che l’artista porta con sé anche nell’ambito del progetto europeo Dancing Museums – the democracy of beings e che evolve in un progetto di comunità proprio nelle prime fasi della pandemia. Durante i mesi di marzo e aprile 2020 infatti l’artista, insieme a Operaestate Festival e il CSC Casa della Danza di Bassano, adatta tale progetto al tempo del confinamento: attraverso una call pubblica viene dato il via alla ricerca di partecipanti che siano disponibili a registrare, in un diario in forma analogica oppure digitale, un movimento al giorno per almeno quindici giorni; tra le numerose persone di diverse età che hanno risposto, in sessantadue hanno poi deciso di condividere i diari scaturiti. Diary of a Move diventa così un processo creativo multidisciplinare e condiviso, che raccoglie la memoria di un momento storico speciale e che segna l'inizio di un percorso che indaga l'umanità, condividendone fragilità e potenzialità anche oltre i confini di quei movimenti e di quei corpi. La mostra raccoglie parte dei diari dei partecipanti, installazioni video, pannelli di pagine scelte, le grafiche di Giacomo Rastelli e i disegni di Luca Pierini, ma anche foto realizzate dal “Gruppo di Sostegno per Fotografi Pigri” coordinati dall’artista visiva Sara Lando. A completare l’esperienza, un "angolo telefonata" dedicato all’interazione in tempo reale con alcuni degli autori, attraverso cui è possibile contattarli e farsi raccontare l’esperienza della stesura del diario.

A fare da contraltare, un archivio fotografico di scatti e autoscatti realizzati durante il lockdown da studentesse e studenti dell'Istituto Scolastico Paritario “Santa Maria della Pieve” di Castelfranco Veneto, guidati dall'architetto e docente Giovanni Zonta. Una raccolta che mette in luce il punto di vista di alcuni tra i più colpiti dalla pandemia: gli studenti che hanno affrontato, insieme ai docenti, le sfide di una nuova nonché imprevista scuola completamente digitale, e che in questo progetto hanno potuto mettere in campo la propria creatività. Una sfida ad utilizzare uno strumento reso quotidiano dalla digitalizzazione che li ha chiamati ad osservare con attenzione e catturare, attraverso l’obiettivo della fotocamera, le potenzialità di spazi di movimento limitati e i dettagli delle persone con cui condividevano il tempo sospeso del lockdown.
 
Al primo piano della Galleria Civica a parlare sono dunque solo le fotografie, secondo una scelta condivisa tra lo stesso insegnante e i cinquantuno partecipanti al progetto, che hanno firmato direttamente i propri quarantasei pannelli espositivi.; un modo per lasciare una traccia diretta del loro impegno nel progetto, prima di affidare le istantanee dalla quarantena all’interpretazione e alle emozioni dei visitatori. Un progetto nato per raccontare un mondo esterno temporaneamente irraggiungibile, per riflettere su sé stessi e anche sul potere comunicativo dell’immagine, che in un frammento di vita catturato in un click riesce a raccontare il senso di solitudine, di apnea, di speranza, racchiusi in uno sguardo, nei visi dietro alle finestre, in un gioco di luci e ombre simbolico della realtà in cui viviamo.
        


The European Commission support for this project does not constitute an endorsement of the contents which reflects the views only of the authors, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein.

Acquista biglietto
GALLERIA CIVICA
Piazza Garibaldi, 34
36061 Bassano del Grappa (VI)

17.10 — 15.11.2020


ORARI
Tutti i giorni, 10—19 
chiuso il martedì.

La biglietteria chiude alle 18.


BIGLIETTI 
Ingresso compreso nel prezzo del biglietto
7 € intero, 5 € ridotto


CONTATTI
T +39  0424 519 901
info@museibassano.it

MOSTRE

musei_bassano_1881.jpg
Galleria Civica
Elena Xausa. Coming Home
dal 26 giugno 2021 al 20 settembre 2021
Dal 26 giugno al 20 settembre, i Musei Civici di Bassano del Grappa presentano "Coming Home", mostra dell’artista e illustratrice italiana di fama internazionale Elena Xausa, che raccoglie oltre 70 opere riassuntive dei suoi dieci anni di carriera.
Leggi tutto
musei_bassano_1891.jpg
Palazzo bonaguro
Bassano e il Brenta, l'acqua e il Ponte
dal 26 giugno 2021 al 28 agosto 2021
Dal 26 giugno al 28 agosto 2021 il Comune e i Musei Civici di Bassano del Grappa, in collaborazione con l’Associazione Pro Bassano e Bassano Fotografia, presentano la mostra fotografica "Bassano e il Brenta, l'acqua e il Ponte".
Leggi tutto
musei_bassano_1851.jpg
Galleria Civica
Palladio, Bassano e il Ponte. Invenzione, storia, mito
dal 29 maggio 2021 al 10 ottobre 2021
Dal 29 maggio al 10 ottobre i Musei Civici di Bassano del Grappa propongono "Palladio, Bassano e il Ponte. Invenzione, storia, mito", mostra promossa per celebrare la conclusione del lungo restauro del Ponte Vecchio.
Leggi tutto
musei_bassano_1871.jpg
Biblioteca e archivio
Sul Ponte di Bassano. Storie e curiosità
dal 29 maggio 2021 al 4 settembre 2021
Dal 29 maggio al 4 settembre, anche la Biblioteca Civica di Bassano del Grappa rende omaggio al Ponte Vecchio restaurato con una mostra che ne ripercorre la storia e le curiosità.
Leggi tutto