I Tesini

I venditori ambulanti di stampe

Giovanni Antonio Remondini, capostipite della famiglia la cui storia verrà illustrata nella sala successiva, si servì per i traffici commerciali di venditori ambulanti provenienti dalla valle trentina di Tesino (da cui la denominazione “Tesini”) sin dal 1685. I Tesini, che esercitavano il commercio ambulante di pietre focaie già prima di entrare in contatto con i Remondini, furono fondamentali per la distribuzione delle stampe. Veniva fornita loro la merce a credito e un piccolo anticipo per intraprendere i viaggi. Dopodichè, organizzati in compagnie di tre o quattro persone, si ponevano in cammino. Le mete, limitate inizialmente all'Italia settentrionale e alla Germania meridionale, presero via via a divenire più ardite. Verso il 1730 iniziò la penetrazione nella penisola iberica, da dove non pochi salparono alla volta dell'America latina. Ad est estesero i loro commerci all'intero impero d’Austria, nelle terre slave sino a Mosca, San Pietroburgo e oltre, in direzione della Siberia. Nella carta geografica esposta in sala si può constatare l’estensione territoriale del bacino commerciale di influenza dei Tesini, la cui rete commerciale fu, assieme alla complessa struttura industriale, una delle ragioni principali del successo dei Remondini in Europa.Si possono poi ammirare pregevoli modellini delle cassette utilizzate per contenere la merce ed una sagoma raffigurante un Tesino realizzata da Emanuele Luzzati, scenografo professionista ed illustratore.